Leonardo avvia il progetto per il primo sistema di Space Cloud per la Difesa

Supercomputer, intelligenza artificiale e cloud a bordo di una costellazione di satelliti
cyber sicuri che orbitano intorno alla Terra. Questo è l’obiettivo del progetto di studio “Military Space Cloud
Architecture” (MILSCA) assegnato a Leonardo dalla Direzione contrattuale TELEDIFE di Segredifesa
nell’ambito del Piano Nazionale della Ricerca Militare (PNRM).


Per la prima volta in Europa, analogamente a quanto avviene con il cloud terrestre, il progetto intende definire
un’architettura spaziale in grado di fornire agli enti governativi e alle Forze Armate nazionali una capacità di
calcolo e memorizzazione ad alte prestazioni direttamente nello spazio.

Il sistema, progettato con modelli di cyber security integrati, garantirà una maggiore rapidità e flessibilità
nell’elaborazione e condivisione delle informazioni. Lo Space Cloud, che sarà testato attraverso la realizzazione
di un digital twin dell’architettura, potrà infatti immagazzinare oltre 100 Terabyte di dati generati sulla Terra
e nello spazio a bordo di ogni satellite della costellazione. Potrà eseguire elaborazioni con una potenza
superiore a 250 TFLOPS (250 mila miliardi di operazioni al secondo) a singola precisione, adottando
avanzati algoritmi, che sfruttano l’intelligenza artificiale, tecniche di machine learning e analisi di big data
e comunicando e scambiando i dati autonomamente con gli altri satelliti.


Disporre di un supercomputer e sistema di archivio cyber sicuri nello spazio potrà infatti garantire agli utenti
accesso a dati strategici quali quelli di comunicazione, osservazione della terra e navigazione, ovunque, anche
nei luoghi più remoti, e in qualsiasi momento. Non solo, un sistema di Space Cloud riduce significativamente le
tempistiche di elaborazione dei dati, processati direttamente in orbita, fornendo informazioni in tempo reale,
facilitando così operazioni multi-dominio e multi-nazione. Grazie al trasferimento delle sole informazioni di
interesse a Terra, saranno lasciate libere le reti trasmissive per altri collegamenti e lo storage di dati in orbita
rappresenterà anche un utile back-up dei centri di Terra più esposti a calamità naturali.


Il progetto vede Leonardo in prima fila con la partecipazione delle joint venture Telespazio e Thales Alenia
Space. Con una durata di 24 mesi, lo studio include una prima fase per la definizione dell’architettura del sistema
e una seconda fase che terminerà con lo sviluppo di un digital twin del satellite con l’HPC insieme al
dimostratore del terminale satellitare multi-costellazione per simulare, in un ambiente digitale, i diversi
scenari di applicazione. Questi test saranno effettuati grazie al supercomputer di Leonardo, il davinci-1, tra i
primi HPC al mondo dell’aerospazio e difesa per potenza di calcolo e prestazioni. Lo studio sarà precursore di
un’ulteriore fase sperimentale che, se confermata, prevederà il dispiegamento di una costellazione di satelliti
dimostrativi in orbita.


Space Cloud è un progetto hi-tech e multidominio, che sfrutta le capacità combinate di Leonardo
nell’acquisizione, gestione e cyber protezione dei dati, nell’Intelligenza Artificiale e nel supercomputing
con l’HPC davinci-1; lo sviluppo di MILSCA è la prima progettualità nel dominio Spazio che si inserisce
all’interno delle direttrici di crescita del nuovo Piano Industriale di Leonardo.
Simone Ungaro, Chief Innovation Officer di Leonardo, ha commentato: “in uno scenario multidominio,
gestione, sicurezza e scambio rapido di una sempre maggiore quantità di dati, molti dei quali tattici, diventano
elementi strategici per la difesa del Paese. Saremo i primi in Europa, a sviluppare un progetto di Space Cloud,
dimostrando fattibilità e benefici derivanti dall’utilizzo di una architettura di questo tipo e abilitando un nuovo
paradigma di cloud & edge computing. Il know how di Leonardo permetterà lo sviluppo di una rete di Space Cloud
per contribuire ai processi di digitalizzazione e innovazione tecnologica, rispondendo alle sfide del futuro a garanzia

delle esigenze degli enti governativi e delle Forze Armate nazionali”.
Il progetto di Space Cloud per la Difesa pone inoltre le basi per utilizzi futuri a supporto dei programmi civili di
osservazione della Terra e delle missioni di esplorazione spaziale verso la Luna e Marte che potrebbero a loro
volta trarre beneficio da una architettura di cloud computing in orbita per scaricare ed elaborare più rapidamente

(foto Leonardo)

error: Content is protected !!